IL PERSONAL BRANDING SPIEGATO A MIA FIGLIA

UN MESSAGGIO DAI NATIVI DIGITALI A NOI DELLA GENERAZIONE Y

il personal branding spiegato a mia figlia

Emma, 9anni, nativa digitale, usa quotidianamente termini come postare, cercare su Google, fare una call; termini che sua zia 60enne, che per anni ha usato il computer per lavorare, non sa neanche pronunciare!

EMMA:

Se non conosce il significato di un termine in inglese lo cerca sul traduttore

Se vuole vedere il suo cantante o cartone animato preferito apre yuotube,

Se vuole trovare una risposta ad una domanda o informazioni su qualcosa o qualcuno digita la ricerca in Google

Se vede la mamma che parla davanti al computer non pensa che sia impazzita, ma sa che sta facendo una call in Skype.

Anche se gioca ancora con le bambole e con forbici carta e colla sa costruire qualsiasi cosa le passi per la testa ha capito che il mondo virtuale di internet può essere un supporto ed un suo alleato nella vita di tutti i giorni e dà per scontato che tutti, al mondo, la pensino come lei.

Mi sorge il dubbio che spiegare il personal branding e la sua importanza ad una novenne oggi sia più facile che spigarlo ai suoi genitori!

Presto tutti questi nativi digitali invaderanno il mondo del lavoro e dovranno fare i conti, nel bene e nel male, con l’uso che hanno fatto in precedenza degli strumenti digitali, per questo credo molto nella loro educazione digitale fin da piccoli. Non avranno dubbi però sul fatto di esserci e di avere una presenza on line, il problema sarà piuttosto lavorare sulla loro reputazione, altro termine assolutamente imprescindibile nel mondo di Internet.

Noi quaranta-cinquantenni quindi non possiamo pensare che nostro figlio ne sappia più di noi, non possiamo ignorare la potenza di questo strumento e, se siamo professionisti, non possiamo pensare di non avere una presenza digitale.

Al di là dell’uso ricreativo di internet la vera forza è la spinta che una adeguata presenza on line può dare al nostro lavoro di professionisti.

Utilizziamo Facebook o Instagram per condividere i luoghi che visitiamo, i cibi che mangiamo, le evoluzioni di nostro figlio o del nostro gatto. Pensiamo a quanto può essere potente ed efficace usare questi stessi strumenti per dire al mondo di cosa ci occupiamo come professionisti, di come svolgiamo il nostro lavoro e permettere quindi a chi ha bisogno di noi di conoscerci meglio e di raggiungerci facilmente.

Creare una traccia digitale, richiede un lavoro di costruzione della propria presenza che parte dall’avere chiaro che sei, cosa fai e per chi lo fai il tutto tradotto in un sito o un blog professionale e nell’uso pianificato dei social media.

Costruire una strategia di Personal Branding significa proprio questo.

Aiutare i nostri clienti potenziali a conoscerci, ancora prima di incontrarci e quindi creare famigliarità e abbassare le barriere di ingresso…il video branding in questo senso è uno strumento pazzesco.

Pensate a quanto vi risulta familiare

la figura del giornalista che ogni giorno

vi parla al telegiornale

Costruire un dialogo con i clienti, e con i colleghi, sui social o su un blog per condividere il proprio pensiero e le proprie competenze e quindi far emergere il nostro valore, come persona e come professionista.

Pensate a quando cercate un meccanico e un dentista,

difficilmente vi affidate al caso

Più probabile trovarlo grazie ad un passaparola

o ad una pubblicità convincente,

Prendendo ad esempio alcune categorie professionali meno avvezze all’uso di internet per valorizzare la propria immagine e professionalità, penso agli avvocati, ai commercialisti, agli artisti in genere la riflessione è che i primi che si lanceranno in questo mondo avranno un forte vantaggio sulla propria categoria.

Come Emma, e i suoi coetanei, dobbiamo fare del mondo digitale un alleato, uno strumento di lavoro che ci permette di diventare globali, raggiungibili, familiari, credibili.

Abbiamo studiato tanto, abbiamo fatto la gavetta, abbiamo fatto lavori improbabili prima di arrivare al lavoro dei nostri sogni, non possiamo fermarci di fronte a internet solo perché ci sentiamo più imbranati di nostri figlio.

Superiamo le nostre personali resistenze e rimettiamoci a studiare o affidiamoci ad un professionista e costruiamo il nostro personal branding è un passaggio evolutivo che la nostra carriera ci richiede e vi assicuro che poi ci prenderete gusto!

Per saperne di più o richiedere informazioni:

Roberta Moretti

Rispondi